L’ansia in università

Introduzione

Il periodo che va dai 19 ai 25 anni risulta essere particolarmente importante all’interno della definizione dell’individuo, sia per quanto riguarda la sua vita sociale, sia per quanto riguarda quella lavorativa. Proprio in questo periodo l’individuo, uscito dalla fase adolescenziale, si trova davanti alla scelta del tipo di persona che desidera essere. L’entrata all’interno dell’ambiente universitario ne aiuta lo sviluppo: tuttavia alcuni potrebbero trovarsi in difficoltà nel dover affrontare il passaggio di separazione con l’adolescenza e l’entrata in punti di piedi nell’età adulta.

L’ambiente universitario

L’università è un percorso di studi che può avere una durata compresa tra i tre e i cinque anni e solitamente riguarda i giovani adulti di età compresa tra i 19 e i 24 anni. Ovviamente ci sono delle eccezioni: infatti anche persone adulte possono iscriversi ai corsi, riuscendo a intersecarli con l’attività lavorativa.
L’ansia durante il periodo universitario può essere legata a diversi fattori. In primis dalla separazione dalla propria famiglia per gli studenti fuori sede: infatti dover lasciare la casa e le persone con cui si ha vissuto da sempre può essere fonte di emozioni negative. Inoltre, potrebbe essere la prima volta che il ragazzo si trovi a dover vivere da solo e dover quindi gestire tutta una serie di responsabilità ed incombenze.

L’ansia

L’ansia è un’emozione che suscita una risposta sia fisica che psicologica. Questa può essere definita come una risposta organica, caratterizzata da apprensione e aumento della sorveglianza in situazioni di incertezza, pericolo o potenziale minaccia all’integrità dell’organismo.
L’ansia, tuttavia, può essere sia una caratteristica della personalità del soggetto (ansia di tratto) sia un’emozione suscitata da una determinata situazione (ansia di stato).
L’ansia di stato riflette una reazione transitoria psicologica e fisiologica direttamente correlata a situazioni avverse in un momento specifico.
L’ansia di tratto, invece, fa riferimento ad un tratto di personalità, il quale descrive le differenze individuali collegate alla tendenza di presentare uno stato ansioso. Essa, perciò, risulta relativamente stabile nel tempo ed è considerata una caratteristica importante dei pazienti che presentano disturbi d’ansia, in quanto sono presenti dei tratti ansiosi più spiccati, quando comparati con individui sani.
Alcune ricerche mostrano come gli individui con alti livelli di ansia di tratto sarebbero più suscettibili allo stress, rispondendo in numerose situazioni come se fossero in pericolo o si sentissero minacciati. Questi soggetti mostrano reazioni causate da un’ansia di stato più frequenti e di un’intensità maggiore, rispetto a coloro con un’ansia di tratto più bassa.

L’ansia all’interno dell’università

Come si è detto in precedenza, ci sono molti fattori che possono condurre ad uno stato ansioso.
Alcune ricerche mostrano come questa emozione sia molto più forte e dominante nelle femmine piuttosto che nei maschi.
Inoltre, l’ansia come stato risulta maggiore in facoltà che riguardano studi sull’educazione, la scienza, la letteratura e l’ingegneria, rispetto agli studi in ambito medico. Questo viene spiegato facendo riferimento al fatto che gli studenti in medicina hanno maggiore fiducia nella propria disciplina, vengono maggiormente incoraggiati e il successo di un approccio più personale in questo tipo di formazione.
Altri studi mostrano come gli studenti che vivono con la propria famiglia abbiano livelli di ansia minori. Una possibile spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che vivere con la propria famiglia permetta agli studenti di non doversi occupare di questioni quotidiane che andrebbero ad appesantire il carico di lavoro, come la spesa per gli alimentari o la preparazione dei pasti, e che la rete familiare fornirebbe anche un maggior supporto a livello relazionale.
Uno studio ha riportato che gli studenti universitari che vivono separati dalla propria famiglia possono affrontare diverse sfide, tra cui affrontare e fronteggiare da soli i propri problemi, la gestione del tempo, la gestione delle finanze, la scelta degli amici e delle relazioni nell’ambiente universitario, l’adattamento alle circostanze, il cambiamento del proprio sistema di valori, provare la propria indipendenza, la scoperta e il miglioramento di sè stessi e cercare di avere buoni risultati a livello accademico.
Una delle fonti principali di ansia all’interno del contesto universitario riguarda la preparazione degli esami: si è anche visto come gli studenti che non sono stati capaci di sviluppare delle strategie efficaci per la gestione dello stress hanno riportato dei livelli di ansia maggiori alla fine del primo anno accademico. Sviluppare delle strategie di fronteggiamento dello stress efficaci può essere una risorsa utile, non solo in ambito scolastico, ma anche durante tutto il corso della vita: tra le strategie più comuni troviamo la pratica sportiva e la coltivazione di hobby.
Tra gli altri effetti negativi dell’ansia, troviamo anche l’insonnia e i disturbi del sonno. Viene anche riportato che problemi di insonnia risultano più numerosi in ragazzi che frequentano il primo anno di università e che l’ansia fosse maggiormente presente in ragazzi che soffrono di insonnia e di mancanza di sonno. Le ricerche mostrano anche che il 50% dei ragazzi che riportano ansia a livello clinico, presentano un eccesso di sonno durante il giorno, rispetto al 30,9% che non ha presentato ansia a livello clinico.

Conclusione

Il periodo universitario risulta essere molto denso di avvenimenti e di cambiamenti e alcuni soggetti potrebbero viverlo non in maniera serena: l’aumento delle proprie responsabilità, il cambio di ambiente e di relazioni possono giocare un ruolo molto importante nel benessere dell’individuo: è bene, quindi, riconoscere quando si ha bisogno di aiuto e riuscire a sviluppare dei meccanismi funzionali per fronteggiare le situazioni in cui ci si trova.

Bibliografia

Aktekin, M., Karaman, T., S ̧enol, Y., Erdem, S., Erengin, H., & Akaydın, M. (2001). Anxiety, depression and stressful life events among medical students: a prospective study in antalya, turkey. Medical Education, 35

Andrade, L. H., Gorenstein, C., Filho, A. H. G. V., Tung, T. C., & Artes, R. (2001). Psychometric properties of the portuguese version of the state-trait anxiety inventory applied to college students: factor analysis and relation to the beck depression inventory. Brazilian journal of medical and biological research = Revista brasileira de pesquisas medicas e biologicas, 34 3 , 367-74

Choueiry, N., Salamoun, T., Jabbour, H., Osta, N. E., Hajj, A., & Khabbaz, L. R. (2016). Insomnia and relationship with anxiety in university students: A cross-sectional designed study. PLoS ONE , 11

Hojat, M., Glaser, K., Xu, G., Veloski, J. J., & Christian, E. B. (1999). Gender comparisons of medical students’ psychosocial profiles. Medical Education, 33

Kennedy, B. L., Schwab, J. J., Morris, R. L., & Beldia, G. (2004). Assessment of state and trait anxiety in subjects with anxiety and depressive disorders. Psychiatric Quarterly, 72 , 263-276

Leal, P. C., Goes, T. C., da Silva, L. C. F., & Teixeira-Silva, F. (2017). Trait vs. state anxiety in different threatening situations. Trends in psychiatry and psychotherapy, 39 3 , 147-157

Makaremi, A. (2000). Relation of depression and anxiety to personal and academic problems among iranian college students. Psychological Reports, 87 , 693 – 698

Ozen, N. S., Ercan, I., Irgil, E., & Sı ̆gırlı, D. (2010). Anxiety prevalence and affecting factors among university students. Asia Pacific Journal of Public Health, 22 , 127 – 133

Spielberger, C. D., Gorsuch, R. L., & Lushene, R. E. (1970). Stai manual for the state-trait anxiety inventory (”self-evaluation questionnaire”)

Stewart, S. M., Lam, T. H., Betson, C. L., Wong, C.-M., & Wong, A. M. P. (1999). A prospective analysis of stress and academic performance in the
first two years of medical school. Medical Education, 33

Vagg, P. R., Spielberger, C. D., & O’Hearn, T. P. (1980). Is the state-trait anxiety inventory multidimensional? Personality and Individual Differences, 1 , 207-214

Wittchen HU, K. R., Beesdo K. (2002). The impact of generalized anxiety disorders. In Generalized anxiety disorder: Diagnosis, treatment and its
relationship to other anxiety disorders. Nutt D, Argyropoulos S, Forshall S.

Contenuto a cura di:

Alice Dondena

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I. Ordine degli Psicologi del Piemonte num.