EMDR online e di persona – introduzione alla tecnica

Indice:


L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) rappresenta una vera rivoluzione nel campo della psicoterapia. Sviluppata da Francinefotografia di Francine Shapiro Shapiro negli anni ’80, questa metodologia ha trasformato l’approccio al trattamento dei traumi e dei disturbi legati allo stress. La sua efficienza e versatilità hanno permesso all’EMDR di emergere come una delle terapie più efficaci e ampiamente riconosciute nella moderna pratica clinica.

In un’epoca sempre più connessa, il trattamento EMDR ha abbracciato il digitale, ampliando significativamente il suo impatto e accessibilità. L’emdr online, in particolare, ha aperto nuove frontiere, rendendo la terapia disponibile a chiunque disponga di una connessione internet. Questo approccio ha permesso a individui in aree remote di entrare in contatto con uno psicologo online che effettivamente potesse risolvere il loro problema. Ha inoltre garantito a coloro che hanno limitazioni fisiche o impegni che rendono difficile frequentare sessioni di persona, di accedere a un trattamento efficace.

Nonostante alcune preoccupazioni iniziali riguardo l’efficacia dell’EMDR condotto a distanza, studi recenti hanno mostrato che la terapia online può essere altrettanto efficace quanto quella tradizionale faccia a faccia quando condotta da uno psicologo qualificato. Questo è un punto cruciale, soprattutto in momenti di crisi globale come la pandemia di COVID-19, dove l’accesso a servizi di salute mentale in persona è stato limitato. L’EMDR online non solo mantiene la sua efficacia nel trattare traumi e disturbi legati allo stress, ma offre anche un’opportunità di supporto psicologico continuo in tempi incerti.

In sintesi, l’introduzione della terapia EMDR online ha rappresentato un passo significativo verso una maggiore democratizzazione dell’accesso terapia psicologica. Questo metodo ha mostrato che la terapia psicologica di alta qualità può trascendere le barriere fisiche, rendendo la terapia EMDR più accessibile che mai. Con il suo impatto rivoluzionario, l’EMDR continua a essere un faro di speranza e guarigione nell’era digitale.

Come Funziona l’EMDR

Il processo terapeutico della terapia emdr si concentra sulla desensibilizzazione e sulla rielaborazione dei ricordi traumatici tramite il movimento degli occhi. Questa modalità aiuta i pazienti a processare e integrare esperienze dolorose, riducendone l’impatto emotivo. In una sessione tipica, il terapeuta guida il paziente attraverso una serie di movimenti oculari mentre questi si concentra su specifici ricordi o pensieri, facilitando il rilascio emotivo e cognitivo.

Fasi dell’EMDR

L’EMDR si svolge in diverse fasi:

Manuale EMDR Shapiro ItalianoStoria e Pianificazione del Trattamento: lo psicoterapeuta raccoglie informazioni sulla storia del paziente e identifica le esperienze passate che saranno il focus del trattamento.

Preparazione: lo psicoterapeuta spiega il processo di EMDR al paziente e sviluppa una relazione di fiducia. Vengono anche insegnate tecniche per gestire lo stress e le emozioni intense.

Valutazione: In questa fase, il paziente seleziona una memoria specifica da targettizzare e identifica i componenti associati a quella memoria, come immagini visive, credenze negative su di sé, emozioni e sensazioni fisiche.

Desensibilizzazione: Il terapeuta guida il paziente attraverso una serie di movimenti oculari (o altre forme di stimolazione bilaterale, come i tocchi o i suoni) mentre il paziente si concentra sulla memoria traumatica. Questo processo è inteso a ridurre l’intensità emotiva della memoria.

Installazione: Il paziente sostituisce la credenza negativa associata alla memoria traumatica con una positiva più adattiva.

Scansione Corporea: Il paziente è invitato a pensare alla memoria target mentre osserva le sensazioni corporee, lavorando per rilasciare qualsiasi tensione o disagio residuo.

Chiusura: Questa fase assicura che il paziente lasci la sessione in uno stato di equilibrio. Il terapeuta può fornire compiti a casa per consolidare i cambiamenti.

Rivalutazione: All’inizio della sessione successiva, il terapeuta e il paziente rivalutano il lavoro svolto e decidono se sono necessarie ulteriori sessioni su quella memoria specifica o su altre.

EMDR: Online vs In Persona

L’avvento del digitale ha esteso la portata dell’EMDR, rendendolo accessibile anche tramite piattaforme online. Le sedute virtuali di EMDR offrono una maggiore flessibilità e accessibilità, specialmente per chi vive in aree remote o ha difficoltà a recarsi fisicamente presso uno studio terapeutico. La psicoterapia online, tuttavia, può presentare sfide uniche, come la necessità di un ambiente privato e tranquillo e una connessione internet affidabile.

D’altro canto, l’EMDR in persona permette un’interazione più diretta e profonda tra terapeuta e paziente, favorendo un maggiore coinvolgimento emotivo. Il terapeuta può inoltre osservare più facilmente le reazioni non verbali del paziente, un aspetto fondamentale nella terapia. Questo non significa che l’EMDR online sia meno efficace, ma piuttosto che la scelta tra le due modalità dipende dalle esigenze e dalle preferenze individuali.

EMDR Meccanismi di azione

Il meccanismo di azione dell’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è complesso e non è ancora completamente compreso. Tuttavia, ci sono diverse teorie che cercano di spiegare come questa terapia possa essere efficace nel trattamento di traumi e altri disturbi psicologici. Ecco alcune delle spiegazioni più accreditate:

Elaborazione Adattiva dell’Informazione: La teoria dell’elaborazione adattiva dell’informazione (AIP) è la base teorica principale dell’EMDR. Secondo questa teoria, l’EMDR facilita l’accesso ai ricordi traumatici bloccati e aiuta il cervello a elaborarli in modo più adattativo. In condizioni normali, il cervello è in grado di elaborare e archiviare ricordi in modo da non essere dannosi. Tuttavia, i ricordi traumatici possono rimanere “intrappolati” o non elaborati correttamente, portando a sintomi di PTSD e altri disturbi. L’EMDR aiuta a “sbloccare” questi ricordi e permette al cervello di elaborarli in modo sano.

Simulazione del Sonno REM: Alcuni ricercatori ipotizzano che i movimenti oculari in EMDR simulino il sonno REM (Rapid Eye Movement), una fase del sonno associata all’elaborazione dei ricordi. Durante il REM, gli occhi si muovono rapidamente e si verifica un’intensa attività cerebrale. Questa somiglianza potrebbe suggerire che l’EMDR facilita un processo di elaborazione simile a quello che avviene naturalmente durante il sonno.

Riduzione dell’Arousal Emotivo: Alcune teorie suggeriscono che la stimolazione bilaterale (come i movimenti oculari) usata nell’EMDR riduca l’arousal emotivo associato ai ricordi traumatici. Questa riduzione dell’arousal potrebbe rendere più facile per il paziente accedere e elaborare questi ricordi senza diventare sopraffatto dalle emozioni.

Cambiamenti Neurobiologici: La ricerca ha mostrato che l’EMDR può produrre cambiamenti nella neurobiologia del cervello. Studi hanno evidenziato modifiche nell’attività di aree cerebrali coinvolte nella gestione dello stress e dei ricordi emotivi, come l’ippocampo e l’amigdala.

Desensibilizzazione e Rielaborazione: L’EMDR combina la desensibilizzazione (riducendo la risposta emotiva negativa ai ricordi traumatici) con la rielaborazione cognitiva (cambiando la narrazione o il significato associato a questi ricordi), che può portare a una riduzione dei sintomi e a una maggiore integrazione del ricordo traumatico.

In sintesi, l’EMDR è una terapia complessa che sembra funzionare su più livelli, combinando aspetti neurobiologici, psicologici e comportamentali. Ulteriori ricerche sono necessarie per comprendere appieno il suo meccanismo di azione.

Vantaggi e Sfide dell’EMDR Online

I vantaggi dell’EMDR online includono la comodità di accedere alla terapia da casa, riducendo ostacoli come il tempo di viaggio o le barriere fisiche. Questo rende la terapia più accessibile a una vasta gamma di persone. Allo stesso tempo, le sfide includono la necessità di un ambiente adeguato e privato per condurre le sessioni e la dipendenza dalla tecnologia, che può a volte creare distrazioni o interruzioni.

EMDR Faccia a Faccia: Benefici e Potenzialità

Nella modalità tradizionale, faccia a faccia, l’EMDR permette un contatto visivo diretto e una maggiore percezione del linguaggio non verbale, elementi cruciali per un processo terapeutico efficace. La presenza fisica può anche offrire un senso di sicurezza e conforto, particolarmente importante nel trattamento di traumi profondi. Inoltre, il setting terapeutico tradizionale può aiutare a stabilire un confine chiaro tra lo spazio terapeutico e la vita quotidiana del paziente.

Domande Frequenti sull’EMDR

Quali Disturbi Tratta l’EMDR?

  • L’EMDR è particolarmente efficace nel trattamento del PTSD, ma è anche utilizzato per ansia, depressione, e una varietà di disturbi legati a esperienze traumatiche.

Durata delle Sedute di EMDR

  • Una seduta tipica di EMDR può variare dai 60 ai 90 minuti, ma la durata complessiva del trattamento dipende dalla natura e dalla complessità dei problemi trattati.

Sicurezza dell’EMDR

  • L’EMDR è generalmente considerato sicuro. Tuttavia, è fondamentale che sia condotto da un professionista addestrato, in quanto il trattamento di traumi può evocare reazioni emotive intense.

EMDR in Autonomia

  • Non è consigliato praticare l’EMDR da soli. La guida di un terapeuta qualificato è essenziale per garantire un trattamento sicuro ed efficace.

Supporto Scientifico per l’EMDR

  • Numerosi studi supportano l’efficacia dell’EMDR nel trattamento dei disturbi legati ai traumi. La ricerca ha dimostrato miglioramenti significativi nei pazienti che hanno seguito questa terapia.

EMDR è pericoloso?

EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è generalmente considerato sicuro quando condotto da un terapeuta adeguatamente formato e qualificato. Come con qualsiasi forma di terapia psicologica, ci possono essere alcuni rischi o disagi, specialmente quando si trattano ricordi traumatici. Tuttavia, questi rischi sono tipicamente gestiti all’interno del processo terapeutico.

Durante le sessioni di EMDR, i pazienti possono sperimentare un aumento temporaneo dell’angoscia o dell’arousal emotivo poiché sono invitati a concentrarsi su esperienze dolorose o traumatiche. Il terapeuta EMDR utilizza tecniche specifiche per garantire che il paziente possa gestire queste emozioni in modo sicuro.

È importante notare che l’EMDR non è adatto a tutti. Persone con determinate condizioni mediche o psicologiche, come gravi disturbi psichiatrici, potrebbero non essere candidati ideali per questa terapia. La valutazione iniziale da parte di un terapeuta qualificato può determinare se l’EMDR sia appropriato per un individuo specifico.

In conclusione, mentre l’EMDR può provocare momenti di disagio emotivo come parte del processo di guarigione, non è generalmente considerato pericoloso. La chiave per un trattamento sicuro ed efficace è lavorare con un professionista competente e qualificato in EMDR.

Conclusione: EMDR e il Futuro della Psicoterapia

L’EMDR si è dimostrato un ponte tra il passato e il presente, offrendo speranza e guarigione a chi soffre di traumi e disturbi legati allo stress. La sua flessibilità di applicazione, sia online che di persona, ne fa un approccio terapeutico versatile e alla portata di molti. Indipendentemente dalla modalità scelta, l’EMDR continua a essere una delle tecniche più promettenti e rivoluzionarie nel campo della salute mentale, unendo innovazione tecnologica e approcci terapeutici consolidati per aprire nuove frontiere nella cura del benessere psicologico.

Shapiro, F. (2017). “EMDR: La terapia per superare l’ansia, lo stress e i traumi”. Ponte alle Grazie.

    • Una delle opere fondamentali di Francine Shapiro, tradotta in italiano, che descrive in dettaglio la terapia EMDR e le sue applicazioni.

Perilli, S., Giuliani, A. (a cura di). (2018). “EMDR e Dissociazione. Il Modello di Elaborazione Adattiva dell’Informazione e la Teoria della Dissociazione Strutturale della Personalità.” Giovanni Fioriti Editore.

    • Un testo che esplora l’uso dell’EMDR nel trattamento della dissociazione, fornendo una prospettiva teorica approfondita.

Barbieri, S. (Ed.). (2015). “EMDR e Teoria Polivagale. Trattare il trauma e i disturbi dell’attaccamento.” Edizioni Magi.

    • Questo libro esamina l’integrazione tra la terapia EMDR e la Teoria Polivagale nel trattamento del trauma e dei disturbi dell’attaccamento.

Pagani, M., Amann, B. L., Landin-Romero, R., & Carletto, S. (2017). “Eye movement desensitization and reprocessing and slow wave sleep: A putative mechanism of action.” Frontiers in Psychology, 8, 1935.

    • Uno studio che esplora il meccanismo d’azione dell’EMDR e la sua relazione con il sonno a onde lente. Disponibile anche in versione inglese.

Faretta, E. (2016). “EMDR e disturbi dell’umore.” Giovanni Fioriti Editore.

    • Un libro che discute l’efficacia dell’EMDR nel trattamento dei disturbi dell’umore, con una particolare attenzione alla depressione.

Luber, M. (a cura di). (2016). “Manuale clinico dell’EMDR.” Astrolabio Ubaldini Editore.

    • Un manuale completo sull’uso clinico dell’EMDR, che include protocolli e linee guida per la pratica.

Tesarz, J., Leisner, S., Gerhardt, A., Janke, S., Seidler, G. H., Eich, W., & Hartmann, M. (2014). “Eye movement desensitization and reprocessing in the treatment of chronic low back pain: A randomized controlled trial.” Pain Medicine, 15(12), 2473-2483.

    • Uno studio che indaga l’efficacia dell’EMDR nel trattamento del dolore cronico alla schiena. Anche questo articolo è disponibile in inglese.

https://youtu.be/bWf39Pqcoqg

 

 

Contenuto a cura di:

Davide Livio

Psicologo e psicoterapeuta